Di seguito puoi scaricare la GRADUATORIA del progetto emozioni in gioco:

GRADUATORIA COOP IL PONTE.pdf
Documento Adobe Acrobat [251.1 KB]

Di seguito puoi scaricare la graduatoria dei progetti presentati sul Bando 2018, Regione Lombardia:

Graduatoria progetti Regione Lombardia.p[...]
Documento Adobe Acrobat [239.0 KB]

Per qualsiasi informazione rivolgersi ad Alessandra: 0372/027450

Di seguito puoi scaricare il progetto e la sintesi dove troverai gli obiettivi e le attività previste:

PROG_Emozioni in gioco.pdf
Documento Adobe Acrobat [270.5 KB]
Sintesi_Emozioni in gioco.pdf
Documento Adobe Acrobat [119.9 KB]

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL SERVIZIO CIVILE VISITA IL SITO:

 

http://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/

Le domande più frequenti sul servizio civile:

Cos’è il Servizio Civile Nazionale?

Il Servizio Civile Nazionale è un modo di difendere la patria, una difesa che non deve essere riferita al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, ma alla condivisione di valori comuni, fondanti l'ordinamento democratico.

È l’opportunità messa a disposizione dai giovani di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale.

Il servizio civile volontario garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, un’importante occasione di crescita personale, un’opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.

Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel Servizio Civile volontario, sceglie di aggiungere un'esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa e nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica.

Le aree di intervento nelle quali è possibile prestare il Servizio Civile Nazionale sono riconducibili ai settori:

assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all'estero.

 

Quali sono le caratteristiche principali dei progetti di Servizio Civile Nazionale?

I progetti presentati da enti pubblici e da enti privati no profit, possono aver luogo sia in Italia che all’estero. Essi consistono in attività inerenti i settori:

assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all’estero.

 

Quanto dura il servizio?

La durata del servizio è di 12 mesi.

 

Chi può presentare domanda di partecipazione al servizio civile nazionale?

Possono partecipare alla selezione tutti i giovani senza distinzione di sesso, che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:

- compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (27 anni e 364 giorni);

- cittadini dell'Unione Europea;

- titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

- titolari di permesso di soggiorno per asilo;

- titolari di permesso per protezione sussidiaria;

- non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, traspoto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l'appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata;

- essere in possesso di idoneità fisica, certificata dagli organi del Servizio Sanitario Nazionale (Asl competente o medico di famiglia). L’idoneità fisica dovrà essere documentata dopo le selezioni, soltanto dai giovani risultati idonei selezionati.

 

Potranno essere richiesti da parte degli enti ulteriori specifici requisiti connessi all’attuazione dei singoli progetti.

 

Quale trattamento economico spetta ai volontari in Italia?

Ai volontari spetta un compenso di € 14,46 netti giornalieri per un totale di 433,80 netti mensili.

 

Quali sono i permessi concessi al volontario?

Nell’arco dei 12 mesi di servizio il volontario usufruisce di 20 giorni di permesso retribuito per esigenze personali.

I volontari possono anche usufruire di ulteriori permessi straordinari per:

- donazione di sangue: 1 giorno per ciascuna donazione (per un massimo di 4 donazioni nei 12 mesi se si tratta di ragazzi, e per un massimo di 2 donazioni se si tratta di ragazze);

- nomina alla carica di presidente, segretario di seggio e scrutatore, nonché di rappresentante di lista, in occasione delle consultazioni elettorali;

- esercizio del diritto di voto: 1 giorno per i volontari residenti da 50 a 300 km di distanza dal luogo di servizio; 2 giorni per i volontari residenti oltre 300 km dal luogo di svolgimento del servizio; 3 giorni se i volontari sono impegnati in progetti in Europa; 5 giorni se i volontari sono impegnati in progetti in paesi extraeuropei;

- convocazione a comparire in udienza come testimone: 1 giorno.

 

E se il volontario si ammala?

Al volontario, durante i primi 15 giorni di malattia, spetta l’assegno mensile per l’intero importo. Per ulteriori 15 giorni di malattia l’importo economico è decurtato in proporzione ai giorni di assenza; superati questi ulteriori 15 giorni, il volontario è escluso dalla prosecuzione del progetto.

 

Qual e’ il trattamento previdenziale riservato a chi svolge il servizio civile nazionale?

I periodi di servizio civile nazionale sono riscattabili, in tutto o in parte, su domanda del volontario e su contribuzione individuale, da versare in un’unica soluzione o in 120 rate mensili senza l’applicazione degli interessi di rateizzazione.

 

Qual e’ il trattamento assicurativo riservato a chi svolge il servizio civile nazionale?

Ai volontari è garantita la copertura assicurativa per i rischi connessi allo svolgimento del servizio.

Il contratto ha per oggetto:

- assicurazione dei rischi per infortuni, malattia e responsabilità civile verso terzi (di cui possono usufruire i volontari, che operano in Italia e all’estero);

- prestazioni di assistenza (di cui possono usufruire solo i volontari, che operano all’estero).

 

Quali sono i benefit riservati ai volontari di servizio civile?

La legge prevede che ai giovani che hanno svolto attività di Servizio Civile Nazionale possano essere riconosciuti crediti formativi da spendere nel corso degli studi e nel campo della formazione professionale. L’UNSC (Ufficio Nazionale Servizio Civile) ha promosso presso università ed enti accreditati la stipula di apposite convenzioni.

Il periodo di servizio civile prestato è valutato nei pubblici concorsi con le stesse modalità e lo stesso valore del servizio prestato presso gli enti pubblici.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Cooperativa Il Ponte Via Pennelli 1 26100 Cremona C.F.: 01393020191 N.REA CR - 167443